Claudio Bianchi – KIKO Milano

HomePodcastSmall Talks withClaudio Bianchi – KIKO Milano
Claudio Bianchi – KIKO Milano
Visualizza il transcript

Kiko è una realtà nel make-up beauty nata più di venti anni fa. E’ presente in più di 20 paesi  con oltre 900 punti vendita. Cosmesi di elevata qualità a prezzi accessibili al consumatore.

Il brand, dagli albori, si rivolge al mercato retail ed ultimamente si sta spingendo verso il B2B, in particolare al franchising, ampliando il canale online per il B2C, due settori che sono stati ampliati del 50% solo nell’ anno precedente.

Nei prossimi tre anni è già prevista l’apertura di 300 punti vendita.

La figura del CIO si occupa della strategia IT ed in particolare della stabilità dello stesso.

Nel caso si verifichi una discontinuità, il ripristino ad una normale situazione di funzionalità deve verificarsi nel minore dei tempi possibili.

Claudio fa notare che le minacce informatiche sono all’ordine del giorno ed il CIO ha la responsabilità di mantenere le postazioni nello stato più sicuro.

Il team di supporto si suddivide in tre settori.

il primo strettamente legato ai programmi di sviluppo prodotto ed ai gestionali.

il secondo dedicato al networking ed alla manutenzione delle singole postazioni.

Il terzo dedicato alla sicurezza.

Apparentemente il gruppo può sembrare piccolo ma si avvale di ulteriori aziende per il micromanagement diventando così di grandi dimensioni.

Nell’arco degli ultimi tre anni è stato attuato un programma di modernizzazione che si divide nella cloudificazione della documentazione, la digitalizzazione dei processi, la raccolta di dati per il miglioramento dell’offerta, la possibilità di accedere al data center da qualsiasi parte del mondo e la sicurezza.

Chiediamo quanto traffico dati viene mosso dal mercato online e se si traduce positivamente in ricavi.

Claudio afferma che applicazioni per smartphone e siti ecommerce sono stati una grande fonte di investimento, e nonostante siano state prese tutte le precauzioni di sicurezza per i trasferimenti bancari, si presentano ugualmente piacevoli nell’utilizzo, mantenendo un aspetto estetico accattivante.

Essendo una struttura che con il passare dei tempi si è mantenuta aggiornata, è riuscita a sostenere durante la pandemia un traffico notevole, aumentando del 70% le ordinazioni e superando di gran lunga le aspettative durante il periodo del Black Friday.

Claudio è molto positivo in relazione al rapporto tra ecommerce e local store in quanto reciprocamente si aiutano l’un l’altro. Nello store è possibile toccare con mano il prodotto ed ordinarne una variante sul sito o effettuare l’ordine online ed eseguirne il ritiro presso lo store.

Ad ogni modo fra i vari fattori fattori che hanno reso Kiko vincente, l’aspetto dominante non è la tecnologia ma il porsi le giuste domande sul prossimo futuro e focalizzarsi sulle priorità ed al risultato. Per affrontare queste sfide il brand si focalizza sulle persone particolarmente talentuose. Ma l’abilità nel cambiare avendo alle spalle una buona base culturale abbinata alla curiosità nell’innovare è il fattore dominante.

In questo episodio di Small Talk With… abbiamo avuto il piacere di affrontare con il nostro ospite Claudio Bianchi il tema della digitalizzazione dei processi, del ruolo dei dati all’interno delle strutture organizzative e dei costi dell’innovazione. Cosa significa vestire i panni di CIO all’interno di un’azienda come KIKO Milano? Per approfondire questa e tante altre curiosità non vi resta che ascoltare l’episodio.

// PARTECIPA

Claudio Bianchi

CIO – KIKO Milano

// CONDUCE

Andrea Virgilio

CEO & CHO – Heply

Ascolta altri podcasts

.company {(

name: 

Heply S.r.l.

vat: 

IT02950460309

share_capital: 

55.555,00 €

rea: 

UD – 351048

}}

.headquarter_Udine {(

address: 

Viale del Ledra, 56

city: 

Udine (UD)

phone: 

+39.0432.1698253

}}

.legal {(

personal: 

privacy

navigation: 

cookie

invoice: 

[email protected]

}}